Setta – L’altra schiavitù

14.50

RICEVI A MEZZO CORRIERE GLS ENTRO 48H

_______

SAGGISTICA
Personal Development

ISBN 978-88-85751-89-7
Prima edizione: aprile 2020
© Pluriversum Edizioni
Ferrara

174 pagine
136 x 205 mm

Compara
COD: 0000144 Categoria:

Descrizione

DESCRIZIONE

Perché alcune persone frequentano “brutte compagnie”? Può capitare a tutti o ci sono persone più predisposte di altre nel ritrovarsi a far parte di gruppi pericolosi? E soprattutto, se ne può uscire? In che modo? Cosa c’entra tutto questo con l’evoluzione interiore e il percorso di crescita personale?

In questo libro l’autore cerca di districarsi nella fitta rete sociale in cui ognuno di noi si trova, partendo dall’esigenza di comprendere la natura umana e come essa ci renda animali dipendenti da chi dovrebbe accompagnarci nella realizzazione dei nostri obiettivi ma che poi, spesso, si rivela distruttivo, capace solo di cibarsi delle nostre parti più intime e profonde.

 

L’AUTORE

Nato ad Ancona il 4 gennaio del 1980, lavora come Mediatore Umanistico e Culturale e Coach Aziendale e Sportivo. La sua attività si svolge con incontri individuali, di coppia, nuclei familiari e seminari esperienziali, per singoli professionisti e presso aziende e società sportive. Dal 1996 al 2005 è stato socio dell’A.I.A. (Associazione Italiana Arbitri). Dal 2005 al 2014 ha svolto l’attività di educatore in strutture con detenuti e tossicodipendenti, adolescenti problematici, malati psichiatrici. Dal 2011 crea e sviluppa giochi di ruolo e giochi da tavolo. Dal 2016 al 2018: Fondatore e presidente dell’Associazione Ludica “La Torre Nera Osimo”. Dal 2018 collaborazione con Associazione Lilliput di Osimo e maestro in discipline umanistiche nella scuola privata “Serendipità”, con alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado. Tra i suoi titoli: Formazione in Coaching Professionale presso il C.U.I. di Arezzo; Facilitatore nelle relazioni d’aiuto presso il C.S.E.N. di Pianoro.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Setta – L’altra schiavitù”